Indice del forum
Forum del Gruppo Utilizzatori Italiani di TeX

Homepage di GuITHomepage di GuIT
GuidaGuITIntroduzione all'arte della composizione tipografica
ArteLaTeXL'arte di scrivere con LaTeX
lshortUna (mica tanto) breve introduzione a LaTeX2e [IT] - [EN]
l2tabuitElenco dei “peccati” degli utenti di LaTeX2e
itamsldocManuale utente di amsmath
compsymThe Comprehensive LaTeX Symbol List

Aderisci a GuIT
Registrati al ForumRegistrati al Forum
FAQ di phpBBFAQ di phpBB
Netiquette del ForumNetiquette
Lista degli utentiLista degli utenti
ProfiloProfilo
Messaggi PrivatiMessaggi Privati
LoginLogin
Cerca sul sito  
Ricerca Avanzata sul Forum di GuIT

ATTENZIONE

ATTENZIONE

Il Forum si è trasferito al nuovo indirizzo: www.guitex.org. Le vecchie discussioni rimarranno visibili per consultazione. Gli utenti registrati potranno continuare a usare le proprie credenziali d'accesso sul nuovo Forum.

ATTENZIONE

ATTENZIONE


Diacritici per il sanscrito
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> TeX e LaTeX
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Lun Mar 07, 2011 7:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

agodemar ha scritto:
Andiamo per gradi.

Io ho TeXlive 2010, installazione completa, sia su Mac che su Windows 7.
Il pacchetto devanagari fornisce la possibilità di scrivere testo in caratteri sanscriti a partire dallo schema di traslitterazione di Velthuis. Il pacchetto è incluso nel bundle denominato velthuis. Il bundle non risultava installato dato che il comando:
Codice:
tlmgr show velthuis

restituiva "Not installed". Dunque, per installare ciò che serve ad usare il pacchetto devanagari ho dovuto lanciare il comando:
Codice:
sudo tlmgr install velthuis

Nel bundle è compreso il programma devnag che è il preprocessor descritto nel manuale "Devanāgarī for TeX". Questo manuale spiega che per ottenere una corretta composizione del testo in caratteri sanscriti devi scrivere opportunamente del testo traslitterato (secondo lo schema di Velthuis) e sottoporlo ad un preprocessing. Il testo da processare deve essere racchiuso nel markup: {\dn ... }

Esempio
Creo un file denominato verso1.dn che contiene:
Codice:
{\dn .o tatsat}

Successivamente sottopongo il file al preprocessor, dando il comando:
Codice:
devnag verso1.dn

che produce il file verso1.tex:
Codice:
\def\DevnagVersion{2.15}{\dn : t(s\qq{t}}

Quest'ultimo è in realtà il codice necessario a rendere il verso in caratteri sanscriti. Quello precedente era scritto secondo lo schema di traslitterazione di Velthuis. Per comporre il testo scriverò:
Codice:
\documentclass{article}
\usepackage{devanagari}
\begin{document}
\centering
\input{verso1}
\end{document}

In pratica si fa prima a creare un file documento.dn fatto così:
Codice:
\documentclass{article}
\usepackage{devanagari}
\begin{document}
\centering
{\dn .o tatsat}
\end{document}

che andrebbe prima preprocessato con devnag, ottenendo documento.tex, poi compilato con pdflatex:
Codice:
devnag documento.dn & pdflatex documento

In realtà, se documento.dn cosse semplicemente copiato in documento.tex, senza preprocessarlo, la compilazione con pdflatex avrebbe successo ma la resa dei caratteri sanscriti non sarebbe corretta.
Questo serviva a instradarti nell'uso eventuale del pacchetto devanagari. Veniamo ora alla questione del testo traslitterato.

Citazione:
Volevo quindi scaricarmi XeLaTeX e provare a usarlo per i miei testi.
Puoi darmi qualche indicazione su come fare? Quale editor è meglio usare? Quali pacchetti installare?

Se hai TeXlive 2010 (completa) hai già tutto quello che serve. Per Linux c'è la guida di Enrico che ti aiuterà a verificare se hai installato quella giusta: http://profs.sci.univr.it/~gregorio/texlive-ubuntu.pdf
Per quanto riguarda l'editor, ti consiglio Kile o in alternativa TeXworks.
Usare di XeLaTeX significa compilare i tuoi sorgenti con il programma xelatex. Anche in questo caso c'è una guida di Enrico che fa al caso tuo: http://profs.sci.univr.it/~gregorio/introxelatex.pdf. Oppure l'ottimo articolo di Massimiliano Dominici su ArsTeXnica: http://www.guit.sssup.it/arstexnica/download_ars/articoli_ars_05/Introduzione%20a%20XeTeX.pdf.
Se guardi questo materiale scopri che XeLaTeX permette di utilizzare all'interno del tuo sorgente i famosi caratteri Unicode. Il file sorgente deve essere rigorosamente codificato con encoding UTF-8; questa è un'impostazione da mettere in pratica attraverso le preferenze dell'editor in uso.
Ciò detto, e dopo aver approfondito leggendo i documenti segnalati sopra, l'esempio di Enrico (con una mia aggiunta) diventa semplice da interpretare:
Codice:
%------- impostazioni per TeXworks
% !TEX encoding = UTF-8
% !TEX program = xelatex
%---------------------------------
\documentclass[a4paper]{article}
\usepackage{fontspec}
\setmainfont{Linux Libertine O}
\newfontfamily{\sanskritfont}{Devanagari MT}

\usepackage{polyglossia}
\setmainlanguage{italian}
\setotherlanguage{sanskrit}

\begin{document}
\noindent Testo in sanscrito?
\begin{quote}
\begin{otherlanguage}{sanskrit}
मैं काँच खा सकता हूँ, मुझे उस से कोई पीडा नहीं होती.
मी काच खाऊ शकतो, मला ते दुखत नाही.
काचं शक्नोम्यत्तुम् । नोपहिनस्ति माम् ॥
\end{otherlanguage}
\end{quote}
Chissà che vuol dire!

\bigskip

\noindent Testo unicode: āsīdrājā nalo nāma vīrsenasuto balī

\end{document}

Il pacchetto fontspec è specifico per XeLaTeX e serve a gestire i font. La novità introdotta da XeTeX/XeLaTeX rispetto ai predecessori è la possibilità di accedere ai font di sistema. Ciò è reso agevole dal pacchetto fontspec che fornisce i comandi \setmainfont e \newfontfamily. In questo caso si suppone che siano presenti i font di sistema "Linux Libertine O" e "Devanagari MT". Il primo è il font del testo corrente; il secondo è un font che sarà abilitato dall'ambiente otherlanguage.
Il pacchetto polyglossia va usato al posto di babel quando si utilizza XeLaTeX. Con polyglossia si imposta la lingua italiana come lingua principale e il sanscrito come lingua alternativa (otherlanguage).

Citazione:
Tu per esempio come hai fatto a scrivere qui āsīdrājā nalo nāma vīrsenasuto balī?

Ho copiato da qualche parte su internet ed ho incollato qui, come hai fatto anche tu. Allo stesso modo si può incollare nel sorgente del tuo documento e ottenere un testo coi segni diacritici corretti. Questo perché c'è la codifica UTF-8 impostata attraverso l'editor.

A questo punto ti rimane da affrontare la seguente questione: come immettere i caratteri con segni diacritici?
Esistono modi diversi che dipendono dal sistema operativo. Io continuo a pensare che è meglio avere sottomano una copia dei caratteri speciali e incollarli nel sorgente a seconda delle tue esigenze.

Spero di aver risposto all'SOS Very Happy

Ciao,
Agostino



Altro che!!!
Per ora ti scrivo solo per ringraziarti del messaggi: per studiare tutto per bene mi serve un po' di tempo ma sei davvero mitico!!!

Ti faccio sapere al più presto come procedono le cose!
All the best!
P.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
agodemar
Intermedio


Registrato: 20/07/07 15:30
Messaggi: 106
Località: Bacoli (NA)

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 5:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Informazione aggiuntiva: ho verificato che i due metodi di lavoro di cui sopra non possono essere praticati insieme. In altre parole, almeno secondo le prove che ho fatto io, non puoi usare il pacchetto devanagari con XeLaTeX. Il codice prodotto dal programma devnag non viene interpretato correttamente da xelatex.
Risultato:
    o usi pdflatex e devnag+devanagari, usando delle macro per produrre i segni diacritici
    oppure usi XeLaTeX incorporando testo Unicode nel sorgente ed un font di sistema per il sanscrito.


Ciao,
Agostino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Mer Mar 09, 2011 6:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
o ho TeXlive 2010, installazione completa, sia su Mac che su Windows 7.
Il pacchetto devanagari fornisce la possibilità di scrivere testo in caratteri sanscriti a partire dallo schema di traslitterazione di Velthuis. Il pacchetto è incluso nel bundle denominato velthuis. Il bundle non risultava installato dato che il comando:
Codice:
tlmgr show velthuis

restituiva "Not installed". Dunque, per installare ciò che serve ad usare il pacchetto devanagari ho dovuto lanciare il comando:
Codice:
sudo tlmgr install velthuis


Caro Agostino,
ho scaricato e installato TeXlive2010 su Windows 7.
dal prompt di comando (admin) ho lanciato il comando sudo tlmgr install velthuis ma ottengo la seguente risposta: "sudo" non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch.
Qual è il problema?
P.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
agodemar
Intermedio


Registrato: 20/07/07 15:30
Messaggi: 106
Località: Bacoli (NA)

MessaggioInviato: Mer Mar 09, 2011 10:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

sudo è per Linux, serve a eseguire comandi con i privilegi di amministratore di sistema. In Windows 7 non è necessario. E' necessario invece aprire la finestra dei comandi come amministratore. Quindi in Windows eseguirai il comando senza sudo.
Inoltre, tieni presente che puoi usare anche tlmgr attraverso la sua GUI: la trovi tra i programmi installati (Start->Programmi->TeXlive 2010).
Assicurati anche di aver installato la TeXlive 2010 completa.

Ciao,
Agostino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Gio Mar 10, 2011 8:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Successivamente sottopongo il file al preprocessor, dando il comando:
Codice:
devnag verso1.dn



Mi rendo conto di essere un imbranato totale...

Dunque, ho installato velthuis ma non so cosa voglia dire "dare il comando", nel senso che non capisco cosa debba fare...
Ho il mio foglio di texworks, creo un documento come hai detto tu... e poi, non so come procedere...
Scusami davvero ma sono davvero un super neofita....!!!
Ciao.
P.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Gio Mar 10, 2011 8:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
In pratica si fa prima a creare un file documento.dn fatto così:
Codice:
\documentclass{article}
\usepackage{devanagari}
\begin{document}
\centering
{\dn .o tatsat}
\end{document}

che andrebbe prima preprocessato con devnag, ottenendo documento.tex, poi compilato con pdflatex:
Codice:
devnag documento.dn & pdflatex documento

In realtà, se documento.dn cosse semplicemente copiato in documento.tex, senza preprocessarlo, la compilazione con pdflatex avrebbe successo ma la resa dei caratteri sanscriti non sarebbe corretta.
Questo serviva a instradarti nell'uso eventuale del pacchetto devanagari. Veniamo ora alla questione del te


Infatti così riesco a visualizzare il file dopo la compilazione ma i caratteri non sono corretti...
Come si fa a preprocessare? Cosa devo digitare e da dove?

Grazie!!!
Pietro
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
antonio.ledda
Avanzato


Registrato: 08/09/08 08:18
Messaggi: 763
Località: Tempio Pausania (OT)

MessaggioInviato: Gio Mar 10, 2011 8:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

PIetroch ha scritto:
Citazione:
Successivamente sottopongo il file al preprocessor, dando il comando:
Codice:
devnag verso1.dn



[...] ho installato velthuis ma non so cosa voglia dire "dare il comando" [...]


Non uso Windows 7, ma se hai usato altri sistemi Microsoft in passato,* probabilmente hai conosciuto il "Prompt dei comandi". Devi avviarlo, spostarti nella cartella nella quale è registrato il tuo file verso1.dn (attenzione, l'estensione del file ".dn" la dovrai specificare manualmente) e digitare quanto indicato da Agostino, ossia:
Codice:
devnag verso1.dn

e dare "Invio".

Se l'operazione è andata a buon fine, troverai nella stessa cartella del file *.dn un file verso1.tex. A questo punto devi compilare con pdflatex il primo file di esempio che ti è stato proposto:
Codice:
\documentclass{article}
\usepackage{devanagari}
\begin{document}
\centering
\input{verso1}
\end{document}

Nel messaggio di Agostino trovi spiegata anche l'alternativa a questo modo di procedere e altro.

Ciao
Antonio

*Per esempio Windows XP.
_________________
Esempio minimo compilabile (vedi punto 2c)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
agodemar
Intermedio


Registrato: 20/07/07 15:30
Messaggi: 106
Località: Bacoli (NA)

MessaggioInviato: Ven Mar 11, 2011 12:10 am    Oggetto: Rispondi citando

Pietro, aggiungo altre direttive basilari a quelle che ti ha dato Antonio.

Hai certamente stabilito di lavorare in una data cartella del tuo disco rigido. Diciamola C:\Om\Tatsat.
Apri il prompt dei comandi (Start->Accessori->...). E' una finestra, detta anche console, con la quale dialogherai con il sistema operativo attraverso l'immissione di comandi (che tipicamente eseguono programmi).
Per arrivare a posizionarti nella tua cartella di lavoro digita:
Codice:

cd C: (invio)
cd \ (invio)
cd C:\Om\Tatsat (invio)
dir (invio)

Il comando cd sta per change directory. L'ultimo comando, dir, ti mostra il contenuto della cartella. Il programma devnag è in realtà il file devnag.exe. Quest'ultimo si trova da qualche parte nel tuo disco rigido (non è importante qui sapere dove sia).
Se nella tua cartella c'è verso1.dn, attraverso il prompt dei comandi dovrai eseguire devnag per processare verso1.dn, digitando:
Codice:

devnag verso1.dn (invio)
dir (invio)

Il programma devnag(.exe) si aspetta un file di estensione .dn presumendo che esso contenga il testo traslitterato che intendi comporre in caratteri Devanagari.
Il comando dir ti mostrerà stavolta che è comparso il file verso1.tex. Quest'ultimo è quello che deve essere incluso nel sorgente LaTeX con il comando:
Codice:

\input{verso1}

Potresti anche dire:
Codice:

\input{verso1.tex}

A questo punto, già mi sei diventato uno smanettone Smile e ti suggerisco una piccola esercitazione: andrai a lanciare la compilazione del sorgente LaTeX (che è il file documento.tex) attraverso la finestra dei comandi. Eseguirai il comando:
Codice:

pdflatex documento (invio)

Attendi la fine della compilazione (curiosare tra i messaggi restituiti in fase di compilazione non fa male). A questo punto esegui un:
Codice:

dir (invio)

Ecco che troverai il file documento.pdf.
Dovresti essere adesso sulla strada giusta. Prova anche a compilare il tuo sorgente attraverso l'interfaccia di TeXworks. Apri documento.tex, pulsante verse in alto a sinistra oppure CTRL+t.

Ciao,
Agostino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 10:19 am    Oggetto: Rispondi citando

Caro Agostino,
ho atteso a risponderti perché mi sono studiato tutto per bene, facendo prove e riprove ma c'è qualcosa che continua a non funzionare.

Dunque...
apro TeXworks, scrivo il mio preambolo seguendo tutte le indicazioni del caso.
Quando devo salvare il file verso1 non ho però la possibilità di salvarlo come .dn.
E infatti quando lavoro con il prompt di comandi come mi hai insegnato tu, non trovo nessun file con estensione .dn.
Dopo una marea di tentativi, eseguiti proprio seguendo passo passo quello che mi hai detto tu, ho deciso di tornare qui perché credo ci sia qualcosa che non funziona.
Spero di non stressarti... ti ripagherò con qualche mantra speciale speciale... Smile Razz
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 10:22 am    Oggetto: Rispondi citando

antonio.ledda ha scritto:
PIetroch ha scritto:
Citazione:
Successivamente sottopongo il file al preprocessor, dando il comando:
Codice:
devnag verso1.dn



[...] ho installato velthuis ma non so cosa voglia dire "dare il comando" [...]


Non uso Windows 7, ma se hai usato altri sistemi Microsoft in passato,* probabilmente hai conosciuto il "Prompt dei comandi". Devi avviarlo, spostarti nella cartella nella quale è registrato il tuo file verso1.dn (attenzione, l'estensione del file ".dn" la dovrai specificare manualmente) e digitare quanto indicato da Agostino, ossia:
Codice:
devnag verso1.dn

e dare "Invio".

Se l'operazione è andata a buon fine, troverai nella stessa cartella del file *.dn un file verso1.tex. A questo punto devi compilare con pdflatex il primo file di esempio che ti è stato proposto:
Codice:
\documentclass{article}
\usepackage{devanagari}
\begin{document}
\centering
\input{verso1}
\end{document}

Nel messaggio di Agostino trovi spiegata anche l'alternativa a questo modo di procedere e altro.


Caro Antonio,
grazie mille per le tue indicazioni.
Come ho specificato qui sopra nel messaggio per Agostino c'è qualcosa che continua a non funzionare perché non riesco a salvare il file con l'estensione .dn.
Mi hai scritto che devo crearlo manualmente: ma come?
Lavoro in Windows e quando devo salvare il file nella mia cartella C:DocumentiLatTeX che mi sono creato mi si apre la finestrella ma tra le estensioni per come salvare i file non trovo .dn. Eppure Velthuis è stato installato seguendo le indicazioni riportate qui sopra...
Dov'è il problema secondo te?

Grazie mille!!!
P.
Ciao
Antonio

*Per esempio Windows XP.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
antonio.ledda
Avanzato


Registrato: 08/09/08 08:18
Messaggi: 763
Località: Tempio Pausania (OT)

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 12:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

PIetroch ha scritto:
[...]
Caro Antonio,
grazie mille per le tue indicazioni.
Come ho specificato qui sopra nel messaggio per Agostino c'è qualcosa che continua a non funzionare perché non riesco a salvare il file con l'estensione .dn.
Mi hai scritto che devo crearlo manualmente: ma come?
Lavoro in Windows e quando devo salvare il file nella mia cartella C:DocumentiLatTeX che mi sono creato mi si apre la finestrella ma tra le estensioni per come salvare i file non trovo .dn. Eppure Velthuis è stato installato seguendo le indicazioni riportate qui sopra...
Dov'è il problema secondo te?

Grazie mille!!!
P.

Un modo semplice: apri il "Blocco note" di Windows, scrivi
Codice:
{\dn .o tatsat}

e quando vai a registrare il file sul tuo hard disk (Salva con nome...), scegli l'opzione "Salva come:" e scrivi verso1.dn (l'estensione .dn deve prendere il posto dell'estensione .txt: la devi specificare -- scrivere -- tu, l'editor non la inserisce in automatico).

Puoi anche registrare il codice
Codice:
{\dn .o tatsat}

come semplice file di testo, quindi con estensione .txt, quella che il "Blocco note" usa come impostazione predefinita. Rinominare quindi il file da verso1.txt a verso1.dn.

Lo stesso risultato si ottiene anche con altri editor (TeXworks, TexMakerX, Notepad++, SciTE, ...), in modo simile. Bada che in Windows sia abilitata l'opzione che consente di mostrare l'estensione dei file.

Ciao
Antonio
_________________
Esempio minimo compilabile (vedi punto 2c)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 9:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

antonio.ledda ha scritto:
PIetroch ha scritto:
[...]
Caro Antonio,
grazie mille per le tue indicazioni.
Come ho specificato qui sopra nel messaggio per Agostino c'è qualcosa che continua a non funzionare perché non riesco a salvare il file con l'estensione .dn.
Mi hai scritto che devo crearlo manualmente: ma come?
Lavoro in Windows e quando devo salvare il file nella mia cartella C:DocumentiLatTeX che mi sono creato mi si apre la finestrella ma tra le estensioni per come salvare i file non trovo .dn. Eppure Velthuis è stato installato seguendo le indicazioni riportate qui sopra...
Dov'è il problema secondo te?

Grazie mille!!!
P.

Un modo semplice: apri il "Blocco note" di Windows, scrivi
Codice:
{\dn .o tatsat}

e quando vai a registrare il file sul tuo hard disk (Salva con nome...), scegli l'opzione "Salva come:" e scrivi verso1.dn (l'estensione .dn deve prendere il posto dell'estensione .txt: la devi specificare -- scrivere -- tu, l'editor non la inserisce in automatico).

Puoi anche registrare il codice
Codice:
{\dn .o tatsat}

come semplice file di testo, quindi con estensione .txt, quella che il "Blocco note" usa come impostazione predefinita. Rinominare quindi il file da verso1.txt a verso1.dn.

Lo stesso risultato si ottiene anche con altri editor (TeXworks, TexMakerX, Notepad++, SciTE, ...), in modo simile. Bada che in Windows sia abilitata l'opzione che consente di mostrare l'estensione dei file.

Ciao
Antonio



Siete mitici ragazzi!!!!
Grazie Antonio, Grazie Agostino!
Sono riuscito a fare tutto seguendo le indicazioni di Agostino!
Ho provato a usare altri editor e tutto va alla grande!!!

Adesso provo a divertirmi un po' con questi piccoli rudimenti... e vediamo se riesco a smanettare un po'...

Per ora mille mantra di ringraziamento a tutti!!!

P.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
agodemar
Intermedio


Registrato: 20/07/07 15:30
Messaggi: 106
Località: Bacoli (NA)

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 9:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Questo ti servirà successivamente, quando inserirai il testo traslitterato con lo schema di Velthuis direttamente nel tuo sorgente LaTeX. Quest'ultimo deve essere salvato con il nome documento.dn. Esso conterrà delle porzioni di testo traslitterato e di testo da rendere in caratteri sanscriti. Ad esempio:
Codice:
Il mantra \textit{Om tatsat} viene reso in caratteri Dev\={a}anagar\={\i} così: {\dn .o tatsat}

Il file documento.dn andrà dato in pasto al programma devnag. Ne otterrai documento.tex da compilare con pdflatex.

Ciao,
Agostino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
PIetroch



Registrato: 20/02/11 11:48
Messaggi: 22

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 9:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

agodemar ha scritto:
Questo ti servirà successivamente, quando inserirai il testo traslitterato con lo schema di Velthuis direttamente nel tuo sorgente LaTeX. Quest'ultimo deve essere salvato con il nome documento.dn. Esso conterrà delle porzioni di testo traslitterato e di testo da rendere in caratteri sanscriti. Ad esempio:
Codice:
Il mantra \textit{Om tatsat} viene reso in caratteri Dev\={a}anagar\={\i} così: {\dn .o tatsat}

Il file documento.dn andrà dato in pasto al programma devnag. Ne otterrai documento.tex da compilare con pdflatex.

Ciao,
Agostino


Intanto grazie ancora perché sto cominciando a divertirmi sul serio... eheheh

Vorrei approfondire due questioni.
Dopo essermi divertito un po' con devnag ho provato a fare lo stesso con un altro preprocessore skt.c.

Ho seguito queste indicazioni dal manuale
Citazione:
The Pre-processor: skt.c
This ANSI C program processes the source text file (with a default .skt
filename extension) to produce a file suitable for LATEX2" (with a default
.tex extension). For example, the command skt test will convert test.skt
to test.tex; fuller filenames may be used, e.g. skt foo.bar will produce
foo.tex, and skt foo.bar far.boo will produce far.boo from foo.bar. If
no filename is specified, you will be prompted for input and output filenames.
The program passes the text from the input file to the output file unaltered,
until it finds the string ‘{\skt’. It then checks the following character(s) for
the acceptable modifiers b f s bs fs x X i I t T u or U, and this must
be followed by a space character: if this test fails it reports an error, otherwise
the program converts the following input text to devan¯agar¯ı or transliteration
format as required, until the matching ‘}’. The cycle is then repeated.
Within the skt text, the following punctuation characters will be passed to
the output as roman:
(


Mi pare di aver capito come funziona un preprocessore ma nonostante segua la traccia indicata da Agostino non riesco a preprocessare il file.skt perchè mi dice che skt non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch.
Qual è il problema? Non funzionano tutti allo stesso modo?

Grazie!
Pietro
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
agodemar
Intermedio


Registrato: 20/07/07 15:30
Messaggi: 106
Località: Bacoli (NA)

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 10:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

In Windows il comando skt esegue il programma skt.exe. Devi controllare che esista il file skt.exe da qualche parte nel tuo sistema. Con una TeXlive 2010 completa dovresti trovarlo. Se sì, puoi fare due cose: 1) copiare il file nella tua cartella di lavoro oppure 2) aggiungere il percorso che porta alla cartella contenente skt.exe alla variabile d'ambiente path. La seconda azione è più generale della prima e permetterà al sistema di 'trovare' sempre il programma skt.exe, qualunque sia la cartella in cui stai lavorando.
Per modificare la variabile d'ambiente path vai in:
Pannello di controllo->Sistema->Avanzate
Successivamente segui quanto è scritto qui:
Codice:
http://www.faqwindows.com/aggiungere-eo-modificare-variabile-dambiente-in-windows-7.html


Ciao,
Agostino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> TeX e LaTeX Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Merge topics 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
Protetto da Project Honey Pot and phpBB.cc